3°-4°-5° elementare... dalla teoria alla pratica con sciAbile

La vita ci insegna che non basta studiare ed avere tutte le conoscenze teoriche, quello che si apprende va messo in pratica per essere metabolizzato e capito fino in fondo.

Lo scopo del quarto incontro con la scuola elementare di Sauze d’Oulx è stato proprio questo. Cercare di mettere in pratica la lezione teorica sulla disabilità fatta il 12 dicembre 2018, interagendo direttamente con bambini davvero speciali che hanno delle disabilità.

I maestri di sci di Sciabile della scuola sci Sauze Project, coordinati dalla responsabile Chiara Garberoglio, hanno dato appuntamento alle maestre e ai bimbi delle classi 3-4-5 elementare di Sauze d’Oulx presso il campetto scuola Funny Land dove partono tutte le ore di sci di Sciabile.

La lezione pratica sul campo è cominciata alle ore 9.00 con una precisa spiegazione da parte di Chiara sulla differenza tra disabilità e handicap dove la disabilità indica qualcosa che si ha in maniera permanente mentre l’handicap una situazione che può variare a seconda dell’aiuto esterno che si può ricevere.

Chiara: ”allora bimbi immaginatevi che nella vostra classe ci sia un bimbo che abbia una disabilità motoria e che non possa camminare, andare a scuola a piedi, fare le scale, andare a scrivere alla lavagna e correre  nell’intervallo come fate voi. In una scala da uno a dieci la sua disabilità è dieci perché non può camminare.

Immaginatevi se per arrivare in classe tutte le mattine dovesse fare venti scalini, anche il suo handicap sarebbe dieci giusto? Perché lui le scale con la sedia a rotelle non le può fare. Ma se nella scuola ci fosse un ascensore che lo porta alla classe il suo handicap scenderebbe a zero giusto? Perché grazie all’ascensore può arrivare in classe senza problemi.

Allo stesso modo se i suoi compagni avessero paura di lui, lo lasciassero da solo nell’intervallo, se la maestra non lo coinvolgesse nelle attività della classe, se non spiegasse ai compagni quali siano le sue necessità e come comportarsi con lui il suo handicap sarebbe 10. Ma se la maestra aiutasse i compagni a capire le sue difficoltà, spigasse come si può aiutarlo, insomma se gli altri bimbi imparassero a conoscerlo e a non avere pare del “suo essere diverso”, allora sarebbe un bambino proprio come tutti gli altri, con cui giocare, imparare, fare merenda e magare anche litigare qualche volta. E così il suo handicap andrebbe nuovamente a zero!

Bene.. oggi voi siete venuti fin qui al Funny Land per fare proprio questo, limitare gli handicap che i bambini della cooperativa Girotondo potrebbero avere.
Tutti voi sapete sciare e sapete quanto a volte sia faticoso rialzarsi da soli, mettersi gli scarponi e i guanti e camminare con gli sci in spalle. Il vostro compito di oggi è quello di aiutare questi bimbi a fare tutte queste cose e fare in modo che si divertano proprio come vi divertite voi e che tornino a casa con un sorriso grande grande.”

 

Dopo questa bellissima spiegazione condita da tante domande e curiosità dei bimbi Chiara ha passato la parola al mitico maestro Oscar Bouvet, idolo indiscusso dei bambini dal 1990!
Oscar ha infatti simulato una lezione su sedia, nel caso in cui una persona disabile non abbia possibilità di farlo stando in piedi, con l’aiuto della piccola Irene, di Angelo e Mathias .

I bambini hanno potuto osservare tutte operazioni di preparazione, dalla vestizione al posizionamento dalla sedia a rotelle al guscio, fino alle manovre necessarie per poter prendere la seggiovia e finalmente sciare in libertà.
Oscar: “bimbi dovete pensare che anche se chi è sulla sedia non può sciare con le proprie gambine come fate voi,  può comunque darmi una mano a fare la curva, basta alzare il braccio nella direzione della curva che si vuole fare ed inclinare la testa. E sapete cos’è la cosa bella? Che a fine giornata si divertono esattamente come voi e sono felici di tornare a casa dalla propria mamma!”.

 

La vera motivazione della spiegazione di Oscar sulla sedia è stata quella che finalmente hanno potuto incontrare la mitica Cocca Visconti, una meravigliosa ragazza di cui hanno tanto sentito parlare nelle lezioni precedenti.
Cocca ha una tetraparesi distonica dovuta a delle complicazioni durante il parto che le impedisce di controllare i muscoli e di conseguenza i movimenti. Cocca fa anche fatica a parlare e tante volte capirla è davvero difficile. Per i bimbi è stato un incontro davvero forte e quando l’hanno incontrato è calato un silenzio ed un imbarazzo generale. Prezioso è stato l’intervento di papà Davide che ha fatto capire ai bimbi che anche se Cocca può sembrare diversa e un pochino strana è una persona molto intelligente e con tanta voglia di fare. Cocca infatti ha appena presentato la sua tesi di laurea ed è molto attiva nell’organizzazione la sua associazione che si chiama Cerchio delle Abilità, che porta qui a Sauze bimbi e ragazzi che come lei hanno dei deficit motori ma anche tanta voglia di sciare

Finalmente verso le ore 10.00 si entra nel vivo della pratica a seguito dell’arrivo dei bimbi della cooperativa Girotondo. E’ stato bellissimo vedere con quanta serietà, coinvolgimento ed energia i bimbi delle elementari si siano adoperati per mettere in pratica quello che gli era stato spiegato poco prima. Hanno aiutato i loro coetanei ad attrezzarsi, a prendere il tappeto, ad impugnare i bastoncini e gli sono corsi dietro come matti quando facevano la loro discesa sugli sci… sempre più veloce, sempre più veloce!
Il risultato è stato una fusione di sorrisi, grida, schiamazzi e anche cadute … la disabilità dei bambini è rimasta, ma l’handicap quello non c’era su quel campetto, e dall’esterno quello che si vedeva erano solo bambini che si stavo divertendo insieme.

Le soprese non sono finite e la giornata è stata un crescere di emozioni.
Verso le 12.00 è infatti arrivato anche Matteo, un ragazzo di 31 anni autistico, che come Cocca, scia con il progetto Sciabile da molti anni. I bambini hanno visto nelle lezioni teoriche video e immagini di Matteo sulla progressione dei suoi miglioramenti e già in aula erano stati molto colpiti dal fatto che Matteo ci avesse messo otto anni per raggiungere un livello base a spazzaneve. Come per Cocca sono stati molto discreti e silenziosi. Hanno osservato Matteo mettersi gli scarponi, i guanti, il casco e gli sci, e l’hanno visto da lontano veder fare quel tappetino con tutta facilità quando otto anni fa sembrava davvero una missione impossibile.
Non hanno fatto tante domande ma hanno osservato moltissimo e hanno metabolizzato quelle immagini e foto che gli avevamo fatto vedere l’anno scorso e siamo sicuri che avendo visto Matteo hanno davvero capito che tutti possono imparare e migliorare anche a costo di metterci tantissimo tempo.

Dopo tutto si sa, i bimbi sono delle spugne che assorbono tutto quello che gli si dice, ma ancora di più imparano quello che vedono fare agli altri e capiscono fino in fondo quando sperimentano in prima persona.

Noi maestri di sci del progetto Sciabile con questi incontri di sensibilizzazione vorremmo fare in modo che “queste piccole spugne” assorbissero il più possibile sani principi, atteggiamenti positivi e costruttivi, una certa apertura mentale verso il diverso, che capiscano che aiutare gli altri ci fa stare bene, ci può rendere più felici di quando si batte il livello dell’ultimo gioco della playstation.
 

Perché al di là di tutte le differenze, tutti ma proprio tutti vogliamo essere felici.

 


SciAbile + SUISM = formazione perfetta

 

Come ormai d’abitudine anche quest’anno gli studenti SUISM della specialistica del polo universitario delle interfacoltà motorie sono venuti il 18 gennaio a Sauze d’Oulx per l'uscita didattica sulla neve.

Il loro pacchetto studi prevede quattro materie dove si approfondiscono teoricamente e praticamente quattro discipline sportive per disabili tra cui lo sci alpino.

Guidati dai nostri maestri, Claudia Gambarino (docente universitaria), Fausto Tino Chiaravalli (maestro di sci) e Marco Tintinelli (cultore della materia), gli studenti hanno sperimentato l'utilizzo delle attrezzature e appreso le tecniche di base per l'insegnamento dello sci alpino e dello snowboard a persone con disabilità.

Si è trattato della prima esperienza per i ragazzi che hanno colto al meglio l’opportunità di approcciarsi al mondo della disabilità sulla neve in maniera positiva e costruttiva.
La Dott.ssa Gambarino soddisfatta dice:” i ragazzi sono stati tutti molto attenti, precisi e partecipi. Hanno avuto la possibilità di sciare bendati, guidare i loro compagni, provare a sciare con una gamba sola e con l’ausilio degli stabilizzatori. Si sono fatti trasportare sulla sedia dai maestri Marco e Tino e si sono divertiti moltissimo. Hanno infatti percepito a pieno la sensazione di velocità, del vento in faccia e quella libertà che solo lo sci sa dare. Si sono però anche resi conto delle varie difficoltà annesse: le barriere architettoniche in primis, la stanchezza nel doversi rialzare da soli in seguito ad una caduta, il freddo ecc.

Oltre a sperimentare su loro stessi gli studenti hanno anche potuto affiancare e ad aiutare i maestri di maestri di sci impegnati in una normale mattinata di lezione con il gruppo dell’associazione Muoversi Allegramente preparando l’attrezzaura, aiutandoli a mettere gli scarponi oltre che a seguire ed aiutare i principianti.

Anche il maestro Fausto Tino Chiaravalli si è dimostrato particolarmente entusiasta alla fine della giornata: “questa è la mia terza esperienza con i ragazzi dell’università Suism e devo dire che quest’anno il gruppo si è dimostrato veramente partecipe. E’ stato molto gratificante vederli divertiti quando li trasportavo sulla sedia ma soprattutto percepire che hanno colto il senso del nostro progetto. Per capire quello che intendo vi invito e vedere il video che ha realizzato uno degli studenti Paolo La Torre”.

Non ci resta quindi che fare in bocca al lupo ai ragazzi per il loro percorso studi e speriamo che questa esperienza con il progetto SciAbile li abbia arricchiti e appassionati ancora di più.
Al prossimo anno. 

Chi “OSO” boccia!

E’ stato un pomeriggio diverso quello del 24 novembre 2018. Niente sci, neve o montagne ma un bocciodromo in centro a Torino, delle bocce blu e rosse e tanta voglia di sfida e divertimento.

 

I maestri della scuola di sci Sauze Project hanno accolto con entusiasmo l’invito alla giornata promozionale di boccia Paralimpica al palazzetto Fortino di Torino e si sono dati battaglia con i ragazzi del “Cerchio delle Abilità” e di altre associazioni che si sono riunite per fare allenamento, per promuovere la disciplina delle bocce e per stare in compagnia.

 

La domanda sorge spontanea : ma come fa un ragazzo con una disabilità motoria a giocare a bocce?

Le bocce paralimpiche hanno le stesse regole delle bocce per normodotati ma si gioca tutti da seduti per permettere di essere allo stesso livello.

Chi ha una disabilità agli arti inferiori gioca normalmente con braccia e mani per fare i tiri. Chi ha invece una disabilità che coinvolge i quattro arti è affiancato da un assistente. Il suo compito è quello di posizionare e muovere una particolare rampa da dove viene posizionata e lanciata la boccia seguendo scrupolosamente le indicazioni e le scelte tattiche del giocatore. A garanzia del fatto che il lancio non dipenda dall’assistente c’è la regola che quest’ultimo debba dare le spalle al campo non potendo influenzare in alcun modo la partita.

Un’altra domanda sorge spontanea: come viene lanciata la boccia da un giocatore che ha un utilizzo limitato o inesistente di mani o braccia?

Vi abbiamo parlato della rampa che è composta da più elementi che vengono combinati tra loro dall’assistente per ottenere differenti direzioni e intensità del lancio. Questa rampa viene posizionata davanti al giocatore che, utilizzando un qualsiasi gesto motorio in possesso, da semplicemente l’input alla boccia facendola cadere dalla rampa.

Chi riesce da una semplicissima spinta alla boccia con un dito. Chi ha patologie particolarmente complesse può farlo con il naso, la guancia, il gomito o qualsiasi parte del corpo che riesca a controllare.

La cosa bella del gioco delle bocce paralimpiche è che, nonostante i limiti fisici, permette comunque di raggiungere un livello tecnico e di precisione davvero altissimo ma soprattutto che permette di giocare tutti assieme: normo dotati, disabili, adulti e bambini!

Un grazie di cuore va dato alla nostra Cocca Visconti per l’invito e per averci fatto scoprire uno sport nuovo davvero tecnico, stimolante e coinvolgente.

A Roberto mandiamo un grazie “ tecnico e agonistico” perché giocando nella nostra squadra ha alzato decisamente il livello. Meno male che lo avevamo come alleato e non come avversario se non sarebbe stata davvero dura fare qualche punto!

Forse le bocce non sono proprio il nostro mestiere ma l’importante è partecipare ed esserci sempre.

 

SciAbile + Seable = Vacanza Perfetta

SCIABILE + SEABLE = VACANZA PERFETTA!

Stesse idee, stessi obiettivi e nomi praticamente identici. Ecco cos’hanno in comune la Sciabile Onlus e Seable, un'impresa sociale inglese, che organizza vacanze accessibili per persone ipovedenti.

Con Seable, chi ha un handicap visivo ha la possibilità di organizzare il proprio viaggio senza aver bisogno di familiari o accompagnatori. Tutto quello che deve fare è scegliere una data e prenotare la sua vacanza – e Seable si occupa del resto, dando assistenza dal momento della partenza fino a quello dell’arrivo.

Visita il sito di Seable

E se per caso la persona ipovedente vuole imparare a sciare?

Molto semplice….. Seable organizzerà la vacanza a Sauze d’Oulx grazie ai maestri di sci della scuola di sci Sauze Project.

Così è successo ad un gruppo di 12 ragazzi tra i 20 e i 30 anni provenienti dall’Inghilterra e con diversi deficit visivi: ciechi B1- ipovedenti B2- altre patologie visive degenerative B3.

Alcuni di loro avevano già avuto esperienze sulla neve in diverse località sciistiche, per altri si è trattato della prima volta.

Quattro bellissimi giorni dove i ragazzi hanno potuto provare, sbagliare, cadere, rialzarsi, migliorare e affidarsi alle mani dei maestri.

Giulia (maestra di sci): “per me è stata la prima esperienza come maestra di sci con dei ragazzi ipovedenti. Ho avuto la possibilità di insegnare a Jack, Sarah e Justin che sono completamente ciechi. Mi hanno colpito moltissimo per la facilità con cui si sono affidati a me, la fiducia che mi hanno dimostrato ma soprattutto la sensazione che mi hanno dato, come se potessero vedere ed intuire quello che stava succedendo intorno a loro”.

Così come Giulia anche gli altri maestri sono rimasti impressionati dal gruppo ed in particolare dalle qualità tecniche di Jack che, oltre a sciare a velocità elevate rispetto alla media, aveva una capacità di reazione agli ostacoli ambientali (uno sciatore che gli passava vicino, una buca, un cambio di pendenza, una placca di ghiaccio) pari a quella di una persona vedente.

Un’esperienza davvero positiva che sia noi della Sciabile Onlus sia i ragazzi (come potete leggere dai messaggi ricevuti) speriamo si possa ripetere in futuro.

“Hi Giulia, hope you're well, Just to say thank you to you and the other ski instructors for last week! I had a great time, really enjoyed the skiing and pleased with how I progressed throughout the week. Definitely hope to be back skiing there again sometime in the future” cit. Jack

“Hi Chiara Following our blind ski trip last week I wanted to thank you for all your help. I enjoyed it so much I have arranged to have ski lessons back home I wish you all the best for Christmas”cit. Justin

“Thank you I will make it my goal to reach the second chair lift. Just one last thing I wanted to share with you regarding my ski experience. I have some poems published and I wrote ...

Hope from slopes The pathway that I'd walked left no footprints to return. Left me doubting if this route was one that I would ever. Learn. A mind so fragile doubted my personal value. But rapidly I realised this trip would be the glue. Many self-critical statements were unjustly assigned. But to triumph on the slopes torment must be left behind. Wanted to give up inability to ski showed. But my final descent spoke louder than any words I'd chose. When I first stepped onto the snow I was radiating fear. But after just three days had passed many errors disappeared I skied alone with only the instructors verbal direction. Proudly learnt that progress was not instant perfection. For so long the world seemed a place that I could not compete. I'd dread sleeping every night, morning being a torment to greet. Having a diagnosis of unstable emotions. One hour I was radiant then the next I'm broken. I was reaching resignation. Overwhelmed with much frustration. But it was with your dedication. That I reached my aspiration. Faultless guidance received from instructors I worked with. Guided me to pride, my greatest incentive. Thank you for helping me believe in myself and happy new year” cit Sarah

Etichettato sotto

Contattaci

  • home SciAbile Onlus
  • phone +39 0122-850654
  • mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • map Piazza Assietta 4 - 10050 - Sauze d'Oulx
  • info C.F.96035030012
  • info IBAN: IT08U0335901600100000139881

Seguici

SciAbile Onlus

Seguici su Facebook